Migliorare l’engagement di Instagram: Una ricerca rivela cosa funziona

di Filippo

Vuoi ricevere più like nei tuoi post su Instagram? Stai cercando nuove idee per aumentare il tuo engagement?

In questo articolo ti daremo preziosi consigli per migliorare l’impatto visual dei tuoi post, ricavati da recenti studi sui big data di Instagram.

Cosa rende un’immagine Instagram visivamente attraente?

Per i non esperti di social media, il fascino visivo di un’immagine può sembrare secondario rispetto a tutti gli aspetti algoritmici che influenzano le prestazioni dei post di Instagram. Si è tentati di pensare che un’immagine mozzafiato non sia sufficiente per guidare il coinvolgimento. Dopo tutto, innumerevoli fattori influenzano i like, dalla dimensione del pubblico e il tempo del post alla natura del contenuto e la call to action (CTA) nella didascalia.

Eppure un recente studio pubblicato sull’International Journal of Research in Marketing suggerisce che anche dopo aver tenuto conto di tutti questi fattori, le immagini con una certa serie di caratteristiche ottengono in modo affidabile più like. Infatti, le immagini con la giusta combinazione di qualità ottengono in media il 3% di like in più e il 19% di coinvolgimento in più.

Dopo tutto, le persone possono elaborare dati visivi come un’immagine di Instagram in 100 millisecondi – molto più velocemente di quanto possano leggere il nome di un marchio, capire una didascalia o cliccare per vedere i tag del post. In sostanza, le immagini convincenti possono distinguersi in un flusso infinito di contenuti, ispirando gli utenti di Instagram a smettere di scorrere e iniziare a coinvolgere.

Per la maggior parte dei marchi, i benefici della produzione di immagini migliori non si fermano ai like. Come spiega lo studio, creare immagini più piacevoli può aiutare a far crescere il pubblico, influenzare l’intenzione d’acquisto e influenzare la spesa dei clienti. Questo perché le immagini visivamente accattivanti sono fondamentali per fare una buona prima impressione in modo da poter attirare le persone e poi spingerle ad agire.

Per creare un quadro di valutazione, lo studio esplora ciò che rende un’immagine visivamente complessa e come queste caratteristiche corrispondono ai gusti. I ricercatori si sono concentrati su due componenti principali della complessità visiva, ognuna delle quali ha tre qualità che la definiscono.

Valutare la complessità visiva

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno iniziato utilizzando il Gartner Digital IQ Index per identificare 1.000 marchi top. Hanno poi raccolto tutti i post di Instagram che questi marchi hanno pubblicato durante un periodo di 1 anno dal 2015-2016. Dopo aver eliminato i marchi che hanno postato meno di una volta a settimana durante questo periodo, i ricercatori hanno compilato circa 150.000 post da più di 600 marchi in più di due dozzine di settori.

Poi i ricercatori hanno valutato i sei fattori di complessità visiva sviluppando un programma che potrebbe elaborare automaticamente le 150.000 immagini e generare un punteggio per ogni fattore. I ricercatori hanno anche contato il numero di like per ogni immagine.

Dopo aver elaborato le 150.000 immagini, il team ha convalidato i risultati con l’aiuto di gruppi di ricerca. Complessivamente, circa 300 partecipanti hanno confrontato circa 900 coppie di immagini in base a uno dei sei fattori di complessità visiva. Nel complesso, il feedback del gruppo di ricerca si è allineato strettamente con i risultati generati dal computer.

In definitiva, lo studio trova che la relazione tra la complessità visiva e i likes di Instagram non è lineare. In altre parole, le immagini non generano progressivamente più “mi piace” all’aumentare della complessità delle caratteristiche e del design. Invece, il livello ottimale di complessità delle caratteristiche è nel mezzo della gamma, mentre la complessità del design ottimale è all’estremità alta o bassa dello spettro.

Complessità delle caratteristiche.

La complessità delle caratteristiche si riferisce alle proprietà di base a livello di pixel di un’immagine:

  • Ricchezza dei colori e distribuzione nell’immagine
  • Luminanza, ovvero il bilanciamento dei livelli di luminosità nell’immagine
  • Densità dei bordi, ovvero il numero di bordi all’interno dell’immagine

In generale, le immagini con una maggiore complessità delle caratteristiche, vale a dire più variazioni nel colore, nella luminanza e nella densità dei bordi, appaiono tipicamente più dettagliate. In alcuni casi, questa è una buona cosa. Un’immagine altamente dettagliata tende ad essere più memorabile, il che può portare ad un migliore richiamo del marchio o del prodotto.

Un’ottima complessità rende appetibile anche il cibo pensa un po’!

Ma su Instagram, le immagini con un’alta complessità di caratteristiche possono essere eccessivamente impegnative da comprendere, soprattutto perché le persone scorrono rapidamente i loro feed e cercano di elaborare le immagini all’istante. Questo può significare che le persone non si prenderanno il tempo di cercare di capire un’immagine troppo dettagliata, per non parlare di mettere un like o di impegnarsi in altro modo.

Questo non significa che meno dettagli siano necessariamente la risposta. Lo studio trova anche che le immagini con una minore complessità delle caratteristiche non hanno un buon rendimento. Le immagini che non sono abbastanza dettagliate tendono ad avere una minore capacità di fermare lo scroll, il che può portare a un minore coinvolgimento.

Di conseguenza, lo studio suggerisce che le immagini con una complessità media delle caratteristiche tendono a generare più likes. Per esempio, la foto Instagram di @hotforfood qui sopra include un livello ottimale di dettaglio delle caratteristiche. Il colore, la luminanza e la densità dei bordi si collocano tutti nel mezzo, rendendola un’immagine molto gradita in base ai criteri dello studio.

Come puoi creare un’immagine con il giusto livello di complessità delle caratteristiche per il tuo business? Puoi ottimizzare le tue immagini con i filtri di Instagram e gli strumenti di editing di terze parti. Vuoi un post incentrato sui filtri e le migliori app per editare le foto e i video su instagram? #fammisapere nei commenti 😉

Complessità del Design

La complessità del design si riferisce alla composizione generale e alla disposizione degli elementi all’interno di un’immagine…in pratica la cara vecchia composizione fotografica utilizzata sin dalla fine dell’800! Gli elementi da tenere in considerazione sono:

  • Numero di oggetti mostrati attraverso l’immagine
  • Regolarità degli oggetti inclusi orientamento e sovrapposizione
  • Simmetria degli oggetti comprese le disposizioni orizzontali e verticali

Mentre la maggior parte delle persone elabora la complessità delle caratteristiche con relativa facilità, la complessità del design richiede tipicamente più potenza di calcolo. Questo perché elaborare la complessità del design richiede l’identificazione di oggetti e il riconoscimento di modelli.

In molti casi, le immagini di Instagram con una bassa complessità di design possono essere altamente coinvolgenti, come nell’esempio qui sotto di @greats. Possono catturare l’attenzione delle persone all’istante e fare rapidamente una buona prima impressione. Poiché sono facili da capire, richiedono un minore carico cognitivo da elaborare, il che può essere attraente.

Ma le immagini con un’alta complessità di design tendono anche a funzionare bene su Instagram, soprattutto quando sono ordinate e i modelli sono facili da identificare. Poiché queste immagini sono più dettagliate, richiedono più concentrazione ed energia mentale, il che può essere gratificante.

Di conseguenza, lo studio suggerisce che le immagini con una bassa o alta (ma non media) complessità del design tendono a generare più like. Come puoi trovare il giusto equilibrio tra i vari elementi di design? Vedi sotto per una ripartizione dei tre fattori e una spiegazione di come puoi disporre le tue foto per incorporare ciascuno di essi.

6 elementi dell’immagine su Instagram da ottimizzare per ottenere più like

Dalla complessità delle caratteristiche alla complessità del design, le immagini di Instagram ad alte prestazioni hanno bisogno del giusto mix di elementi visivi. Dai un’occhiata a come ottimizzare ognuno dei sei fattori in modo da massimizzare i like sui tuoi post di Instagram.

#1 Spettro cromatico

Quando si tratta di ricchezza e distribuzione dei colori, lo studio conclude che le immagini al centro dello spettro tendono a dare il meglio. Come mostrano i risultati, i likes di Instagram diminuiscono gradualmente all’aumentare del numero di colori in un’immagine.

Questo significa che le immagini in bianco e nero sono la soluzione? Non necessariamente – i risultati riflettono una forma a U invertita, il che significa che i like tendono ad essere più bassi per le immagini alle due estremità dello spettro. Lo studio ha scoperto che le foto in bianco e nero e le immagini con isolate macchie di colore non si sono comportate particolarmente bene.

Invece, le immagini con pochi colori facilmente identificabili e una tavolozza un po’ smorzata tendono ad essere le più piacevoli, come in questo esempio di @shopjulytwentytwo.

#2 Luminanza

Quanta luminanza dovrebbe caratterizzare le tue foto di Instagram? Lo studio suggerisce che la luminanza tende ad essere più attraente quando cade nel mezzo della gamma. Man mano che la luminanza diminuisce, i like alla fine diminuiscono.

Ciò significa che le immagini più piatte con luci e ombre minime generano tipicamente meno “mi piace”. Allo stesso tempo, le immagini con ombre e luci sbilanciate hanno anche un numero di like inferiore alla media.

Invece, le immagini con livelli di luminanza medi danno il meglio. Per esempio, la foto Instagram di @sonos qui sotto presenta i livelli di luminanza ottimali. I livelli di luce nell’immagine danno alla scena una luminosità attraente, e i livelli di ombra aggiungono profondità senza far apparire la foto eccessivamente dettagliata.

Simile ai livelli di colore, puoi regolare le tue foto di Instagram per la luminanza durante il processo di editing. Se la tua immagine ha un contrasto minimo o appare confusa, puoi aumentare le ombre e le luci.

Se la tua immagine ha già delle ombre dense e delle luci troppo intense, puoi ridurre questi elementi. Regolare i livelli di luminosità e contrasto può anche aiutare a ottenere la giusta luminanza.

#3 Densità dei bordi

Il numero di bordi in un’immagine può essere strettamente correlato al numero di oggetti in un’immagine. Ma misurare la densità dei bordi in un’immagine non è sempre così semplice. In una foto, gli oggetti stessi possono certamente avere bordi che definiscono i loro confini, ma i bordi possono anche provenire dall’alternanza di forme, colori e texture.

Raggiungere la densità ideale dei bordi può essere sorprendentemente importante per le immagini di Instagram. Come mostra lo studio, le persone tendono ad essere più indulgenti quando il colore o la luminanza sono leggermente al di fuori del livello ideale. Ma quando la densità dei bordi aumenta o diminuisce dal livello ottimale, i like diminuiscono immediatamente.

In altre parole, è essenziale che le immagini di Instagram abbiano il giusto mix di pixel interni e bordi. Per esempio, il post Instagram di @goodiegirlcookies qui sotto presenta almeno una dozzina di scatole di biscotti, ognuna con forme audaci e bordi ben definiti. Ma i molti blocchi solidi di colore bilanciano i bordi, risultando in un’immagine con la giusta quantità di dettagli.

Il primo passo per ottenere una densità ottimale dei bordi è scegliere un soggetto o una scena con un equilibrio naturale tra bordi e interni. È anche possibile regolare l’aspetto della densità dei bordi aumentando o diminuendo il contrasto o cambiando i livelli di nitidezza prima di pubblicare le immagini su Instagram.

#4 Il conto degli oggetti

A differenza dei tre elementi della complessità delle caratteristiche, il livello ideale di complessità del design tende ad essere alto o basso, piuttosto che nel mezzo. Per il numero di oggetti, i risultati dello studio cadono in un modello a forma di U, con il più alto numero di “mi piace” alle due estremità dello spettro.

Quindi, se ti sei mai chiesto quanti punti di interesse includere nelle tue immagini di Instagram, ci sono due possibili risposte. È meglio includerne molti o solo uno o due, ma probabilmente non una manciata.

Per esempio, il post Instagram di @pottcandles qui sotto rientra chiaramente nell’estremità bassa della gamma. La foto presenta un singolo oggetto posizionato vicino al centro della cornice. La minore complessità del design rende l’immagine semplice da elaborare e facile da apprezzare.

#5 Regolarità degli oggetti

Simile ai risultati relativi al numero di oggetti, lo studio suggerisce che il livello ottimale di regolarità degli oggetti è basso o alto. Le immagini di Instagram con modelli facilmente identificabili tendono ad essere molto apprezzate, così come le foto con disposizioni più irregolari.

Le immagini con le disposizioni degli oggetti meno piacevoli tendono ad includere una manciata di forme diverse posizionate ad angoli o intervalli irregolari. È molto probabile che queste immagini appaiano disordinate o disorganizzate.

Per esempio, il post Instagram di @breadsrsly qui sotto ha un alto livello di regolarità degli oggetti. La foto presenta molti degli stessi tipi di oggetti disposti in un modello chiaro, rendendolo facile da capire.

Per creare una foto con il giusto livello di regolarità degli oggetti, concentrati sui modelli nell’inquadratura. Puoi organizzare gli oggetti in una disposizione più pulita o comporre la tua foto per catturare un modello altamente irregolare.

#6 Simmetria

A differenza degli altri due elementi di complessità del design, alti e bassi livelli di simmetria non attraggono allo stesso modo. Invece, lo studio mostra che i “mi piace” diminuiscono drasticamente quando le immagini appaiono più asimmetriche. Ciò significa che più la tua immagine è simmetrica, più è probabile che funzioni bene su Instagram.

Per esempio, il post Instagram di @kingarthurbaking qui sotto presenta una composizione simmetrica. La torta è posizionata al centro orizzontale della cornice, e le candele sono disposte in modo simmetrico.

Puoi creare immagini Instagram simmetriche scegliendo composizioni che hanno un forte equilibrio verticale o orizzontale. Se necessario, puoi anche aumentare la simmetria ritagliando dettagli o oggetti extra prima di pubblicare le immagini su Instagram.

Considerazioni Finali

Come suggerisce lo studio, quando le tue immagini hanno il giusto livello di complessità, esse possono generare molte più interazioni e likes, e di conseguenza, avere un’alta influenza nell’intento di acquisto.

Vien da sè che lo studio rispecchia i criteri ottimali solo per le foto del feed. Potete comunque sperimentare questi tips (che alla fine compongono le basi di un’ottima visual experience) anche per Storie e Reels. Puoi anche creare un mix per sperimentare la ricetta giusta per raggiungere i tuoi obiettivi di marketing.

E come sempre e come al solito #fammisapere qui sotto nei commenti cosa ne pensi, e se il post ti è piaciuto condividilo in tutti i Social Network! Vi aspetto anche su FacebookInstagram, e ovviamente TikTok!

Related Posts

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti le modalità d'uso indicate nella Privacy Policy. Accetto Ulteriori Informazioni

Privacy & Cookies Policy